Penia,

Autoritratto dal vero, 2004

matita su carta,

68x41x45 cm

 

Guarda anche Biografia non curriculare

Biografia

 

Penia,

Autoritratto dal vero, 2004

matita su carta,

68x41x45 cm

 

Elena Mutinelli nasce a Milano il 4 luglio 1967. L’artista milanese fin da adolescente frequenta a Milano lo studio di Gino Cosentino, scultore di origine siciliana allievo di Arturo Martini, che le insegna l’amore per marmo e la forma. Elena Mutinelli, nipote dello scultore Silvio Monfrini, autore del monumento a Francesco Baracca a Milano, allievo di Ernesto Bazzaro, approfondisce la tradizione della scultura lombarda figurativa. Dopo aver conseguito la Laurea di Scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera nell’anno Accademico 1989/90 con i docenti A. Cavaliere, Cascella, L. Silvestri, nel 1990/91, si trasferisce a Pietrasanta per apprendere la tecnica del marmo. Successivamente tra il 1992 e il 1995 lavora tra Milano e Pietrasanta.

Si stabilisce definitivamente nel 1995 a Milano, città che le offre l’opportunità di collaborare con gallerie d’arte storiche e di prestigio quali la Compagnia del Disegno, la Galleria d’Arte Marieschi, la Galleria d’Arte Gabriele Cappelletti Arte Contemporanea e altre Gallerie di ultima generazione quali la Galleria d’Arte Entroterra.

Nel 1998 G. Segato decide di riunire un decennio di sculture e disegni curando un’importante mostra personale pubblica, Le mani sul corpo, evento collegato ai Concerti Wagneriani all’Alba, con il Patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno presso il Chiostro di Villa Rufolo, Comune di Ravello, Salerno.

Negli anni successivi E. Mutinelli matura una propria forza espressiva con cui traccia i forti profili del suo orientamento: il luogo del corpo è un ambito che offre ancora molto da dire, esso è vivo, pulsa, va oltre il conflittuale rapporto dialettico tra tradizione e modernità. È proprio questa sua particolare fisionomia plastica, quasi virile, che ha attirato l’attenzione delle Gallerie d’Arte che tutt’ora trattano la sua opera. Nel l998 al 2004 decide di aprire un nuovo studio dove le è possibile dedicarsi totalmente alla scultura e all’opera del Duomo di Milano. In questi assume l’incarico come collaboratrice esterna alla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, rapporto professionale che già sussisteva dal 1992. La collaborazione con la Veneranda Fabbrica Del Duomo di Milano la vede coinvolta nella riproduzione di opere in marmo originali con opere in marmo in copia lavorate presso il proprio studio. Dal 2003 al 2005 riceve l’incarico dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano di dirigere il cantiere degli scalpellini presso la Casa di Reclusione di Opera (MI), insegnando loro a riprodurre fedelmente dal modello originale le sculture e gli ornati del Duomo di Milano.

Nel 2014 vince il concorso internazionale “DonnaScultura | XII edizione”, a cura di Valentina Fogher e Chiara Celli. Insieme a Carla Marchelli, Majd Patou Fathallah, Inger Sannes, è una delle quattro scultrici internazionali cui viene dedicata un’esposizione personale nel Chiostro di S. Agostino a Pietrasanta.

Nel 2015 l’Assessorato alla Cultura di Pietrasanta e la Regione Toscana la convocano in qualità di scultrice professionista per un progetto in collaborazione con il Concilio Culturale dell’Alabama (USA). Le viene conferito l’incarico di insegnare negli Usa agli scultori professionisti statunitensi la scultura su marmo in onore del Festival Marble di Sylacauga, città in cui si trova la cava di marmo bianco utilizzato anche per la Casa Bianca. Esegue in loco, lavorando a tempo pieno per dal vivo, in pubblico, un’articolata scultura. Su invito dell’Università di Auburn in Alabama, tiene una conferenza che verte sul tema della bottega nel rinascimento in Italia connettendo a tale argomento gli sviluppi della sua scultura, nata appunto, fin dagli esordi, per mezzo dell’attiva frequentazione degli studi-botteghe d’arte in Toscana, in cui incontrava artisti e scalpellini di incomparabile virtù.

Attualmente Elena Mutinelli è rappresentata dalla Galleria d’Arte Etra Studio Tommasi di Francesca Sacchi Tommasi (Pietrasanta e Firenze), collabora con la galleria d’arte contemporanea Après-coup Arte di Milano. Ha collaborato con: Galleria d’Arte Marini (Milano), Galleria d’arte MAG Marsiglione Arts Gallery (Como e Kyoto), Galleria d’Arte S. Eufemia (Venezia), Galleria d’Arte S. Maurizio (Venezia), Galleria d’Arte Compagnia del Disegno (Milano), Galleria d’Arte Cappelletti (Milano), Galleria d’Arte Franco Senesi Positano e la Galleria d’Arte Entroterra (Milano-Brescia), Galleria d’arte Marieschi, (Milano-Monza),

Nel 2012 apre un nuovo studio in Brianza dedicandosi alla scultura ed espone in mostre istituzionali. La sua scultura è incarnazione della presenza umana a confronto con la propria natura predatoria, come lo è la vita. Le sue opere sono espressione dell’avventurarsi nelle potenzialità dell'uomo; sculture forti, anatomie contratte alle prese con le intenzioni quotidiane dell’esistere. Le sue opere hanno avuto il riconoscimento del pubblico e delle gallerie che le hanno dedicato mostre personali e collettive di prestigio, fanno parte di collezioni private e pubbliche internazionali tra cui le più importanti:

 

2000 Owens Corning, azienda internazionale produttrice di materiale isolanti termoacustici, ha acquistato le opere di E. Mutinelli realizzate con i materiali di propria produzione. Le sculture sono state esposte nello stesso anno accanto ai preziosi dipinti di Antonio Guardi e altre importanti opere antiche presso il Museo Lo Studiolo, Milano.

2001 Jolly Hotel Madison Towers, New York, ha acquistato molte opere grafiche; attualmente sono in tutte le camere dell’Hotel.

2004 Università di Storia dell’Arte di Siena con l’opera grafica Nell’arena, Direttore E. Crispolti, collezione dell’Università.

2005 Il Comune di Reana del Royale inaugura il monumento Vuoto di mani congiunte, un’opera monumentale in marmo, Fior di Roccia del Timao, acquistata dall’AFDS e posta nella piazza municipale del Comune di Reana del Royale (Udine).

2008 ButanGas, le commissiona un’opera scultorea: la mano del fondatore con lo scudo raffigurante il Drago della Butangas.

2009 Scultura in collezione a Tia, Denver, USA.

2015 Sylacauga, Alabama, USA, scultura in marmo statuario Qui e ora collezione della Library.

©.  STUDIOMARTE

Foto Antonio Piccin

Grafica Stdmarte

Traduzioni Roberta Mazzesi

 

 

LE OPERE SCULTOREE DI ELENA MUTINELLI SONO  ESEGUITE A MANO SENZA MEDIAZIONE ALCUNA DI ARTIGIANI E MACCHINE

The sculptural production of Elena Mutinelli is hand made without any artisan's or machinery's help.

 

Nessuna delle immagini può essere riprodotta o trasmessa in qualsiasi forma o qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta di Elena Mutinelli, proprietaria dei diritti dell’immagine.

No image of this book may be reproduced  or utilized in any form or by any means, electronic or mechanical, including photocopying, recording, or any information storage end retrieval system, without permition in wring from Elena Mutinelli, owner of  the images copyright.

       sculptress

Fotografia di Francesco Cammello

  Elena   Mutinelli